Da non perdere
pt-ptitfr
Home » Slovenia » Slovenia: geografia e attrazioni turistiche

Slovenia: geografia e attrazioni turistiche

La Slovenia è un piccolo stato dell’Europa centrale, situato tra Italia, Austria, Ungheria e Croazia. Il paese è divenuto indipendente nel 1991, dopo un referendum dove la maggioranza della popolazione (circa l’89%) scelse per l’indipendenza dalla Yugoslavia. Oggi fa parte dell’Unione Europea.

La Slovenia si estende su un area di 20.273 km² (più piccola della Toscana), ha una popolazione di poco superiore ai 2 milioni di persone e confina a ovest con l’Italia, a nord con l’Austria, a nord-est con l’Ungheria, a sud e a sud-est con la Croazia. La lingua ufficiale è lo sloveno, ma nell’Istria Slovena tre comuni (Capodistria, Pirano e Isola d’Istria) sono bilingui sloveno-italiano, e nell’Oltremura (in sloveno Prekmurje) tre comuni (Hodoš, Dobrovnik e Lendava) sono bilingui sloveno-ungherese.

TRA IL CARSO E LE ALPI

La maggior parte del territorio sloveno è montuoso, formato dalle catene montuose delle Alpi Giulie – lungo il confine con l’Italia -, delle Alpi Caravanche, delle Alpi di Kamnik, delle Alpi di Savinja, e dei massicci del Kozjak e del Pohorje, lungo il confine con l’Austria. La montagna più alta della Slovenia è il Monte Tricorno (Triglav, 2.864 metri) nelle Alpi Giulie.

Il Parco Nazionale del Tricorno (Triglav), situato vicino al confine con l’Italia, comprende le vette più alte della Slovenia tra cui appunto il Monte Tricorno (Triglav, 2.864 metri). Il parco è formato da un enorme massiccio calcareo, ricco di laghi di origine glaciale, fiumi e torrenti, cascate e gole vertiginose. Lungo il confine del parco si trova uno dei luoghi più fotografati della Slovenia, il Lago di Bled, lago di origine glaciale con al centro una suggestiva isola dove sorge un monastero.

Buona parte dell’area occidentale del paese fa parte dall’altopiano del Carso, territorio formato da roccia calcarea fortemente eroso dagli agenti atmosferici. Tra i luoghi più belli e più conosciuti di questo territorio particolare, sono senz’altro le Grotte di Postumia e quelle di San Canziano. Ma le bellezze del Carso non sono solo le grotte, troverete doline, fiumi sotterranei e altri spettacolari fenomeni naturali.

UNA BREVE COSTA E UN’AREA DI COLLINE

Il paese è attraversato dalle valli dei fiumi Drava e Sava (affluenti del Danubio), dell’Isonzo e del Mura. La costa slovena si estende in quella che è l’Istria Slovena per meno di 50 km di lunghezza ed è bagnata dalle acque del golfo di Trieste. Qui si trovano i tre comuni bilingui italiano-sloveno del paese: Capodistria (Koper), Pirano (Piran) e Isola d’Istria (Izola).

L’area centrale del paese, dove si trova la capitale Lubiana è quella più densamente popolata. In questa zona il territorio è formato da un area collinare che si abbassa progressivamente verso la pianura pannonica. Grazie alla sua conformazione prevalentemente montuosa quasi il 60% del territorio sloveno è ricoperto da foreste e boschi.

La capitale della Slovenia, Lubiana, attraversata dal fiume Ljubljanica e dominata dal castello medievale, risente nell’aspetto del suo centro storico la passata dominazione austriaca. Ma l’architettura della città è una vivace mescolanza di stili, troviamo edifici medievali, in stile barocco e art noveau. Maribor, la seconda città della Slovenia, risente nella sua architettura, ancor più della capitale, dell’influenza austriaca, quando era chiamata Marburgo (Marburg).

Il clima della Slovenia.

  • Superficie: 20.273 km²
  • Popolazione: 2.100.000 (2019)
  • Capitale: Lubiana (Ljubljana)
  • Lingua ufficiale: Sloveno. Sono lingue regionali l’italiano e l’ungherese.
  • Moneta: Euro (EUR)
  • Fuso Orario: UTC +1 (Estate: UTC+2)
Booking.com
banner