Da non perdere
pt-ptitfr
Home » Ungheria » Budapest » Budapest: una delle due capitali dell’Impero Austro-Ungarico

Budapest: una delle due capitali dell’Impero Austro-Ungarico

Alla fine del XIX secolo Budapest, formata in quegli anni dall’unione delle città di Buda e Pest, era una delle due capitali dell’Impero Austro-Ungarico, uno degli stati più grandi e potenti dell’Europa dell’epoca, quello fu il periodo di maggior splendore per la capitale ungherese.

Ma la storia di Budapest inizia con la fondazione da parte dei romani della città di Aquincum. Questa città divenne nel 106 d.C. capitale della provincia della Pannonia Inferior. Dopo i secoli bui del medioevo, nel XIV secolo Buda divenne capitale del Regno d’Ungheria. Durante il regno di Mattia Corvino il ruolo culturale di Buda, influenzata dal rinascimento italiano, fu particolarmente significativo. Questo periodo di sviluppo della città fu bruscamente terminato con l’occupazione della città da parte dei Turchi Ottomani, che la occuparono tra il 1541 e il 1686. Riconquistata dalle forze cristiane la città si sviluppò, come detto, sotto il governo degli Asburgo e particolarmente nel XIX secolo con la nascita dell’Austria-Ungheria.

Oggi Budapest viene considerata una delle più belle città d’Europa, essa presenta ancora oggi tutta la grandezza di seconda capitale dell’Impero Austro-Ungarico. La città è formata da un miscuglio di stili che si armonizzano nelle loro diversità, si va dal barocco, al rinascimento al gotico. Il Parlamento in stile neo-gotico è l’edificio più grande dell’Ungheria. Nel quartiere ebraico la sinagoga di via Dohány (Dohány utcai) è la più grande sinagoga d’Europa. Tra le chiese spiccano la basilica di Santo Stefano in stile neo-classico che custodisce la reliquia del braccio destro di Santo Stefano d’Ungheria il primo re e il fondatore dell’Ungheria. La Chiesa di Mattia costruita in stile tardo-gotico nella seconda metà del quattordicesimo secolo è uno dei gioielli di Budapest, la chiesa è decorata con tegole colorate e eleganti pinnacoli.

Bagni Termali Széchenyi, Budapest, Ungheria. Autore: Ludovic Lepeltier. No Copyright

Bagni Termali Széchenyi, Budapest, Ungheria

Altre attrazioni di Budapest sono i ponti, il Danubio è infatti attraversato da sette ponti storici edificati tra l’ottocento e il novecento. Budapest ha anche una ricca offerta di musei e una intensa e fervente vita culturale. Budapest è la principale destinazione turistica dell’Ungheria. L’UNESCO ha inserito tra il patrimonio mondiale dell’umanità il centro storico di Budapest comprese le rive del Danubio, il quartiere del Castello di Buda e il viale Andrássy, un elegante viale alberato lungo oltre 2,5 km. Uno dei gioielli del viale Andrássy è il Teatro dell’Opera di Budapest. L’ex Palazzo Reale conosciuto come castello di Budua è uno dei simboli dell’Ungheria. Al giorno d’oggi ospita due imponenti musei – la Galleria nazionale ungherese e il Museo Storico di Budapest – e la Biblioteca Nazionale Széchenyi. Il vicino Palazzo Sándor contiene gli uffici e la residenza ufficiale del Presidente dell’Ungheria.

Budapest ospita anche numerose sorgenti termali, che furono una delle ragioni per cui i romani fondarono proprio qui la città. Dove si trovano le sorgenti di acqua termale nei secoli passati sono stati costruiti dei bagni termali molti dei quali si trovano in pregevoli edifici storici che sono di per se una attrazione turistica. Tra i più belli e conosciuti bagni termali: i Bagni Gellért, costruiti tra il 1912 e il 1918 in stile Art Nouveau, e i Bagni Széchenyi, edificati in stile neo-rinascimentale tra la fine dell’ottocento e gli inizi del novecento, che sono il più grande centro termale d’Europa.

Il clima di Budapest.



Booking.com


Booking.com
banner