Da non perdere
pt-ptitfr
Home » Regno Unito » Londra » Abbazia di Westminster, Londra
Facciata nord, Abbazia di Westminster, Londra, Regno Unito. Autore e Copyright: Marco Ramerini
Facciata nord, Abbazia di Westminster, Londra, Regno Unito

Abbazia di Westminster, Londra

Uno dei simboli di Londra è senz’altro l’antica Abbazia di Westminster, il cui nome per esteso è Collegiate Church of St Peter at Westminster, situata a poca distanza dal Big Ben e dal Parlamento Inglese (Houses of Parliament o Westminster Palace).

Luogo tradizionale delle incoronazioni, dei matrimoni e delle sepolture della casa reale britannica, l’Abbazia di Westminster è un luogo di culto che cade direttamente sotto la giurisdizione del monarca britannico, per questo il suo status è annoverato come Royal Peculiar, fin dall’XI secolo i sovrani britannici sono stati incoronati in quest’abbazia.

Una prima abbazia fu fondata nell’XI secolo, ma la costruzione della chiesa attuale fu iniziata nel XIII secolo da re Enrico III (Henry III), i lavori continuarono fino all’inizio del XVI secolo, le due torri furono aggiunte nel XVIII secolo da Nicholas Hawksmoor, su progetto di Christopher Wren. L’edificio, in stile gotico, è unico nel suo genere e rappresenta tutte le fasi dell’arte gotica inglese. L’Abbazia di Westminster, è un sito patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, assieme al Palazzo del Parlamento (Houses of Parliament o Westminster Palace) e alla chiesa di Saint Margaret.

L’Abbazia di Westminster presenta la tipica pianta a croce, le sue volte che si protendono verso l’alto simboleggiano il desiderio dell’uomo di celebrare l’infinita grandezza di Dio. La navata principale dell’Abbazia ha visto eventi tra i più importanti del paese, la chiesa è un susseguirsi di statue, tombe, e lapidi commemorative.

ABBAZIA DI WESTMINSTER COSA VISITARE:

L’itinerario di visita comincia dalla porta nord, dalla quale si accede al transetto settentrionale, qui si trovano le tombe di Edoardo I e di Enrico III, e il reliquiario di Edoardo il Confessore. Le tombe di Elisabetta I e di Maria I (la sanguinaria) si trovano nella cappella di Enrico VII, così come quella di Maria Stuarda Regina di Scozia.

La cappella di Enrico VII, chiamata anche Cappella dell’Ordine del Bagno (Chapel of the Order of the Bath), caratterizzata da un soffitto con particolari volte a ventaglio, ospita anche la tomba di Enrico VII e della moglie Elisabetta di York, nonché la cappella della Royal Air Force, con una finestra dedicata alla Battaglia d’Inghilterra.

Il Trono dell’Incoronazione (Coronation Chair), è un trono in legno di quercia costruito nel 1301 su ordine di Edoardo I, ed è stato usato per l’incoronazione di tutti i sovrani britannici, vicino al Trono si trova il reliquario di Edoardo il Confessore. Si giunge quindi all’Angolo dei Poeti (Poets’ Corner) dove si trovano i monumenti e le tombe di circa 120 scrittori, poeti, attori, musicisti e artisti.

Nell’area antistante l’altare maggiore avvenivano le incoronazioni reali, negli ultimi anni, in questa parte dell’Abbazia di Westminster si sono svolte importanti cerimonie funebri, come i funerali di Diana Principessa del Galles, e quelli della regina madre Elisabetta. Si arriva ai chiostri, ed è come tornare indietro nel tempo, qui avrete un idea di come appariva l’Abbazia di Westminster ai monaci che vi vivevano 500 anni fa, è possibile visitare la Sala Capitolare (Chapter House) e il museo.

Si torna quindi nella navata centrale dove sono la Tomba del Milite Ignoto, un soldato sconosciuto morto durante la Prima Guerra Mondiale, e varie lapidi commemorative di uomini celebri come Wiston Churchill. Prima di uscire dalla Grande Porta Occidentale si trovano le statue dei martiri del XX secolo.

Orario di apertura: Lunedi, Martedì, Giovedi, Venerdì 9,30-16,30 (ultimo ingresso 15,30); Mercoledì 9,30-19,00 (ultimo ingresso 18,00); Sabato 9,30-14,30 (ultimo ingresso 13,30); Domenica chiusa alle visite, aperta solo per il culto.

Booking.com
banner
Close
GDPR
Le leggi dell'UE richiedono che chiediamo il tuo consenso all'uso dei cookies. Utilizziamo i cookie per garantire che il nostro sito funzioni correttamente. Alcuni nostri partner pubblicitari raccolgono anche dati e utilizzano i cookie per pubblicare annunci personalizzati.




Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE: