Da non perdere
pt-ptitfr
Home » Austria » Graz: città rinascimentale e barocca patrimonio dell’UNESCO
Graz, Austria. Author Pablo Nicolás Taibi Cicare. Licensed under the Creative Commons Attribution.
Graz, Austria. Author Pablo Nicolás Taibi Cicare

Graz: città rinascimentale e barocca patrimonio dell’UNESCO

Graz sorge, in un area di basse colline, sulle sponde del fiume Mur, la città è il capoluogo della Stiria e il secondo centro urbano dell’Austria per numero di abitanti.

L’area dove sorge Graz era intensamente abitata durante l’impero Romano, dov’è oggi la città esisteva un piccolo centro fortificato, in seguito, nel VI secolo gli Avari, popolazione slava, vi costruirono un castello, che in lingua slava si dice Gradec, da questo deriva il nome attuale della città. La sua posizione geografica la rendeva snodo cruciale nei commerci tra l’area danubiana, i Balcani e l’Adriatico.

Nel XIII secolo Graz ricevette i diritti di città e a partire dal XIV secolo divenne la residenza di un ramo degli Asburgo, quello leopoldino che governava l’Austria Interna (Stiria, Carinzia, Carniola, Istria, Friuli e Trieste), il Tirolo e l’Austria Anteriore (e cioè i possedimenti degli Asburgo nella Germania sud-occidentale (Svevia), in Alsazia e nel Vorarlberg).

Sede di un università fin dal 1586, durante il XVI secolo Graz sviluppò caratteri rinascimentali nella sua architattura grazie al lavoro di numerosi architetti e artisti italiani. Tale aspetto, unito agli edifici in stile barocco che furono costruiti successivamente, rende il centro storico di Graz un armonioso insieme di edifici di diverse epoche e di diversi stili architettonici che spaziano dallo stile gotico a quello moderno.

Il centro storico di Graz e lo Schloss Eggenberg fanno parte del patrimonio mondiale dell’umanità dell’UNESCO.

[hr style=”single”]

  • Graz
  • Abitanti: 265.318 (2012)
  • Altezza: 353 metri sul livello del mare
[hr style=”single”]
[hr style=”single”]
Booking.com
banner